La falconeria come soluzione naturale

0
36
falconeria

La falconeria è un’antica pratica che implica l’addestramento di rapaci per cacciare prede selvatiche in un ambiente naturale. Originariamente sviluppata migliaia di anni fa in Asia, questa pratica si è diffusa in varie parti del mondo e ha assunto diverse forme a seconda delle culture e delle epoche.

I rapaci addestrati, come falchi, aquile e poiane, vengono utilizzati dal falconiere per localizzare, inseguire e catturare prede, spesso come forma di gestione del controllo della fauna selvatica o per sport. Oltre alla caccia tradizionale, la falconeria è stata adattata in tempi moderni per applicazioni come il controllo dei volatili, specialmente in aree urbane o presso aeroporti, dove la presenza di uccelli può rappresentare un rischio per la sicurezza o un disturbo.

In questi contesti, i rapaci addestrati sono impiegati per allontanare uccelli indesiderati, come piccioni o gabbiani, da aree specifiche. La presenza del rapace agisce come deterrente naturale, poiché i volatili più piccoli tendono a evitare aree dove percepiscono la presenza di un predatore.

Il metodo si basa sul principio di prevenzione, dove il semplice volo di un rapace addestrato sopra un’area può essere sufficiente per spingere gli uccelli indesiderati a spostarsi altrove, senza necessariamente ricorrere all’uccisione.

Questo approccio è considerato ecologico e umano, in quanto riduce la necessità di utilizzare trappole, veleni o altri metodi letali per gestire la popolazione di volatili. La pratica richiede competenze specifiche nella gestione e nell’addestramento dei rapaci, nonché una profonda comprensione del comportamento degli uccelli. Non tutti i disinfestatori infatti praticano la falconeria, come ci spiegano i tecnici di Disinfestazioni Varese.

Il falconiere deve stabilire un legame con l’uccello, basato su fiducia e rispetto reciproci, per assicurare che l’animale risponda ai suoi comandi e ritorni dopo aver volato. La falconeria moderna offre un metodo efficace e rispettoso dell’ambiente per gestire i problemi legati ai volatili, sfruttando l’istinto naturale dei rapaci per mantenere sotto controllo le popolazioni di uccelli indesiderati in determinate aree.

Dove si utilizza maggiormente la falconeria

L’uso della falconeria come metodologia per il controllo dei volatili deve essere effettuato da personale esperto, poiché richiede una conoscenza approfondita del comportamento degli uccelli rapaci, nonché competenze specifiche nell’addestramento e nella gestione di questi animali.

La formazione e l’esperienza sono cruciali per garantire che l’impiego dei rapaci sia sicuro ed efficace, sia per gli uccelli addestrati sia per le specie di uccelli che si desidera allontanare.

Di seguito sono elencate alcune delle aree e situazioni in cui la falconeria è impiegabile per il controllo dei volatili.

  • Aeroporti: uno degli usi più comuni della falconeria nel controllo dei volatili è negli aeroporti per prevenire gli incidenti tra gli aerei e gli uccelli, noti come strike. I rapaci addestrati sono utilizzati per allontanare uccelli come gabbiani, corvi e piccioni, riducendo il rischio di collisioni.
  • Aree agricole: gli agricoltori possono utilizzare i rapaci per proteggere i raccolti dai danni causati dagli uccelli, come i piccioni che mangiano i semi o i frutti. Questo metodo naturale aiuta a ridurre la dipendenza da repellenti chimici o fisici.
  • Impianti di smaltimento rifiuti: le discariche e gli impianti di smaltimento rifiuti attirano spesso grandi quantità di uccelli, che possono diventare un problema sanitario. L’uso di rapaci aiuta a controllare la popolazione di questi uccelli senza ricorrere a metodi letali.
  • Strutture urbane e monumenti: nelle città, alcuni edifici storici o strutture possono essere danneggiati o sporcati dagli escrementi degli uccelli. La falconeria può essere utilizzata per mantenere lontani gli uccelli da queste aree sensibili.
  • Eventi all’aperto e attrazioni: luoghi come parchi di divertimento, aree per concerti all’aperto o eventi sportivi possono impiegare rapaci per gestire e ridurre la presenza di volatili, migliorando l’esperienza per i visitatori.
  • Vigneti e frutteti: per proteggere la produzione di frutta e uva dai danni causati dagli uccelli, alcuni produttori impiegano la falconeria come metodo ecologico e sostenibile di controllo dei volatili.

È importante notare che, in molti paesi, l’utilizzo di rapaci per il controllo dei volatili è regolamentato da specifiche leggi e normative, che possono richiedere licenze speciali o permessi. Pertanto, è fondamentale che le persone o le organizzazioni interessate a utilizzare questo metodo si informino sulle normative locali e lavorino con professionisti qualificati e autorizzati.

Come avviene l’allontanamento volatili con falco?

L’allontanamento di volatili tramite l’uso di falchi avviene attraverso un processo ben studiato che si avvale dell’istinto naturale di predazione dei falchi. Questa metodologia non punta necessariamente alla cattura o all’uccisione degli uccelli indesiderati, ma piuttosto al loro spostamento da un’area specifica.

Ecco come si svolge generalmente il processo.

  • Selezione e addestramento dei falchi: i falchi utilizzati per l’allontanamento di volatili sono accuratamente selezionati e addestrati da falconieri esperti. Questi uccelli devono essere non solo abili cacciatori, ma anche in grado di lavorare in sinergia con gli esseri umani. L’addestramento include il riconoscimento di comandi, il ritorno al falconiere e la caccia o il volo in specifiche aree.
  • Valutazione dell’area: prima di impiegare i falchi, i falconieri eseguono un’analisi dell’area per identificare i siti critici dove gli uccelli indesiderati tendono a radunarsi o alimentarsi. Questo passaggio permette di pianificare in modo efficace le sessioni di volo dei falchi.
  • Deterrenza mediante la presenza: la presenza di un falco in volo è di per sé un potente deterrente per molti volatili. Gli uccelli più piccoli, come piccioni o gabbiani, riconoscono nel falco un predatore naturale e tendono a evitare le aree dove è presente. Il solo volo di un falco sopra un’area può quindi indurre gli uccelli a spostarsi altrove.
  • Voli programmati: i falconieri effettuano voli programmati con i loro falchi in orari e luoghi specifici, a seconda della necessità e dei pattern di attività degli uccelli indesiderati. Questi voli possono essere più frequenti durante le prime fasi del processo per stabilire una presenza predatoria nell’area.
  • Utilizzo di tecniche non letali: l’obiettivo è spesso quello di spaventare o disperdere gli uccelli, piuttosto che catturarli o ucciderli. I falconieri possono utilizzare tecniche che incoraggiano il falco a inseguire senza necessariamente catturare la preda, massimizzando così l’effetto deterrente senza arrecare danno.
  • Monitoraggio e regolazione: il processo richiede un costante monitoraggio per valutare l’efficacia delle sessioni di volo. In base alla risposta degli uccelli indesiderati, i falconieri possono regolare la frequenza dei voli o le tecniche utilizzate per mantenere l’efficacia del metodo.
  • Sicurezza e benessere degli uccelli: la sicurezza e il benessere dei falchi sono di primaria importanza. I falconieri si assicurano che i loro uccelli siano in buona salute, ben nutriti e adeguatamente riposati tra i voli.

L’uso di falchi per l’allontanamento di volatili è un approccio ecologico e rispettoso della fauna selvatica che si basa sull’equilibrio naturale piuttosto che su metodi letali o chimici e grazie alla sua efficacia e sostenibilità, questa metodologia è sempre più apprezzata in vari contesti, dall’aviazione all’agricoltura. Per saperne di più sulla falconeria o per trovare un falconiere visita il sito falconieri.it. Grazie alla sua efficacia e sostenibilità, questa metodologia è sempre più apprezzata in vari contesti, dall’aviazione all’agricoltura.

I vantaggi di utilizzare la falconeria

Il servizio di allontanamento volatili, in particolare per quanto riguarda i piccioni, offre numerosi vantaggi. Questi uccelli, sebbene spesso considerati parte integrante del paesaggio urbano, possono causare una serie di problemi ambientali, sanitari ed economici. L’utilizzo di metodi ecologici e umani, come la falconeria, per gestire la loro presenza comporta diversi benefici.

  • Riduzione dei danni ai beni: i piccioni possono causare danni significativi a edifici, monumenti, automobili e altre strutture a causa dei loro escrementi acidi, che possono erodere e rovinare le superfici. L’allontanamento dei piccioni contribuisce a preservare l’integrità e l’aspetto estetico di tali beni.
  • Controllo delle malattie: i piccioni sono vettori di malattie trasmissibili all’uomo, tra cui la salmonellosi e la criptococcosi. Riducendo la loro presenza, si minimizza il rischio di trasmissione di queste malattie a persone e animali domestici.
  • Prevenzione dei nidificazioni indesiderate: i piccioni tendono a nidificare in aree urbane, creando problemi di pulizia e manutenzione. Il servizio di allontanamento volatili può impedire la formazione di nidi in zone critiche, riducendo il bisogno di interventi di pulizia costosi e frequenti.
  • Miglioramento della sicurezza pubblica: la presenza eccessiva di piccioni e dei loro escrementi può rendere le superfici esterne scivolose, aumentando il rischio di cadute e infortuni. Mantenere pulite queste aree migliora la sicurezza per i pedoni.
  • Tutela della biodiversità locale: i piccioni possono competere con specie native per il cibo e l’habitat, influenzando negativamente la biodiversità locale. Controllando la popolazione di piccioni, si contribuisce alla salute degli ecosistemi urbani.
  • Rispetto del benessere animale: a differenza dei metodi di controllo letali, l’utilizzo di rapaci per l’allontanamento dei piccioni è un approccio più naturale e umano. Questo metodo sfrutta il comportamento predatorio senza necessariamente recare danno ai piccioni, rispettando così il principio di benessere animale.
  • Soluzione a lungo termine: molti metodi di controllo dei piccioni forniscono solo soluzioni temporanee. L’uso di falchi e altri rapaci può avere un effetto deterrente più duraturo, poiché i piccioni imparano a evitare aree regolarmente pattugliate dai predatori.
  • Sostenibilità ambientale: l’impiego di metodi naturali per il controllo dei piccioni riduce la necessità di utilizzare sostanze chimiche o veleni, che possono essere dannosi per altre specie animali e per l’ambiente.

In conclusione, l’allontanamento dei volatili, in particolare dei piccioni, mediante metodi rispettosi e naturali come la falconeria, offre una soluzione efficace e sostenibile ai problemi causati da queste specie in aree urbane e agricole, conciliando le esigenze dell’uomo con il rispetto per la natura e gli animali.